Istruzioni per l'uso

Un buon modo per farsi un'idea dell'argomento trattato in questo blog è visionare il documentario "La Moneta come Debito". Per chi volesse approfondire ho stilato una breve lista di fonti sugli argomenti signoraggio/sovranità monetaria. La potete trovare nel post "Bibliografia Essenziale". L'elenco è in costante aggiornamento.

I commenti non sono moderati, siete liberi di esprimervi nel modo che ritenete più opportuno. Ognuno è responsabile del suo pensiero, io rispondo solo delle parole scritte di mio pugno.

Benvenuti,
(ersandro@gmail.com)

Prima di esprimere qualunque dubbio o giudizio vi consiglio di leggere i seguenti post. Potreste trovare le risposte alle vostre domande.

F.a.q.-Parte Prima (Le banche commerciali emettono moneta?)
F.a.q.-Parte Seconda (Da dove prende valore la moneta?)
F.a.q.-Parte Terza (Esiste una soluzione?)

sabato 22 agosto 2009

Comunicazione di servizio (5)

22ma Fiera delle Verità (Sicilia).

Azioni Primit

Su Facebook

Siete tutti invitati a partecipare.

Saluti,
Alessandro Bono

6 commenti:

Marco Messina ha detto...

Ciao Alessandro. Ti ho mandato una mail tempo fa ma non ho ricevuto risposta. Ti è arrivata?

Marco Messina

menohopiusono ha detto...

Ciao Alessandro. Lo sapevi che il North Dakota ha una banca pubblica (a metà strada tra banca commerciale e banca centrale, mi pare di capire) e che lo stato è in attivo?

http://www.rense.com/general86/ending.htm

La cosa bella è che si tratterebbe di qualcosa di vicino all' "utopia" della sovranità monetaria pubblica che FUNZIONA, e funziona ADESSO.

Ciao e complimenti per il blog.
Filippo

P.S.: leggo da alcuni mesi Informazione Scorretta (che trovo molto interessante), ma ho l'impressione che Felice Capretta non legga Truffa di Matrix. Sbaglio?

Do ut Des ha detto...

Capretta sviluppa i suoi post sugli effetti, non cerca la causa unica di tutti i problemi.

ErSandro ha detto...

Filippo, innazitutto grazie per i complimenti.

Il caso del North Dakota è interessante e merita approfondimenti. Ti ringrazio per averlo portato alla mia attenzione.

Rispondo proponendoti il sito della Free Lakota Bank (http://freelakotabank.com/), l'unica banca commerciale che io conosca che non fa ricorso alla riserva frazionaria. E' la dimostrazione pratica di come un istituto bancario possa avere dei guadagni garantendo, allo stesso tempo, la copertura del 100% dei depositi.

Non so se Felice Capretta legge il mio blog, anche se da quello che scrive sono abbastanza sicuro che non condividerebbe pienamente i suoi contenuti. Lo riporto comunque tra i miei link poiché ritengo "Informazione Scorretta" un'ottima fonte di notizie.

Un saluto,
Alessandro

menohopiusono ha detto...

Ciao Alessandro, grazie per il link -che non conoscevo- ma mi dà proprio l'impressione che la consapevolezza riguardo alla moneta-debito si sta allargando, spero irrimediabilmente!

Io adesso sto in Svezia, in una città di provincia, Skövde, che è il luogo di nascita della JÄK bank -immagino che la conosci. Loro propongono un'economia libera da interesse sulla scia di Margritt Kennedy (http://www.macrolibrarsi.it/libri/__la_moneta_libera_da_inflazione-da_interesse.php). E mi pare che non facciano uso della riserva frazionaria -prestano solo soldi che hanno. Ho appena scoperto che c'è un'associazione che si impegna a creare una banca simile in Italia: http://www.jakbankitalia.it/.

Tutto solo per dire che credo che nel momento in cui riprendiamo possesso dei nostri soldi -e non li diamo in pasto alle banche commerciali ed alla loro leva- la schiavitù finisce!

Ciao e grazie.

Filippo

Do ut Des ha detto...

Se la gente basa la propria identità riconoscendosi nell'autorità, la libertà genera ansia.
Dovranno quindi camuffarsi da vittime, ricorrendo all'uso della violenza contro gli altri